Carta di credito Cartesia da Cariparma

La carta di credito Cartesia di Caripam è uno strumento di prelevamento e di pagamento con plafond prestabilito, in grado di consentire al cliente dell’istituto di credito erogante il servizio una serie di transazioni, in Italia e nel resto del mondo, sia presso gli sportelli automatici abilitati che negli esercenti commerciali dotati di point of shopping collegati ai network di pagamento predefiniti.

La carta prevede un plafond di spesa di misura selezionabile dal cliente dell’istituto di credito, con un limite massimo che l’azienda stabilisce in 3 mila euro. Lo strumento è ottenibile in maniera gratuita per l’intero primo anno, mentre dal secondo anno in poi è soggetta a tariffazione ordinaria, come da fogli informativi disponibili in qualsiasi filiale dell’istituto di credito che concede il servizio, o nel proprio sito internet.

La carta è ricollegabile a uno dei due circuiti internazionali di pagamento di riferimento, Visa o Mastercard. Ciò consente al titolare della carta di poter entrare in possesso di uno strumento “spendibile” in qualsiasi parte del mondo, anche su internet, per transazioni di prelevamento di denaro, di anticipo contante o di pagamento presso milioni di POS abilitati.

Per quanto riguarda altre condizioni economiche, ricordiamo che Cariparma azzera il canone annuo di tale carta di credito in caso di utilizzo per almeno 1.500 euro all’anno. Ancora, grazie a Cartesia è possibile trasferire il credito residuo dalla carta sul proprio conto corrente, trasformando pertanto il fido disponibile sullo strumento di pagamento in un vero e proprio finanziamento personale.

Il cliente potrà infine scegliere come restituire la somma utilizzata nell’arco di un mese solare, alternando il tradizionale rimborso a saldo al rimborso a rate, con un credito che – come nelle caratteristiche delle funzioni revolving – si ricostituirà in maniera automatica, gradualmente nel tempo.

I nomi Cartesia e Cariparma appartengono ai rispettivi proprietari.