Prestiti ai pensionati in continua crescita

Continuano a crescere i volumi relativi alle erogazioni di finanziamenti personali ai pensionati. A sostenerlo è una recente ricerca condotta da uno dei principali portali comparatori di offerte commerciali creditizie, secondo cui sarebbero stati circa 360 mila i pensionati italiani che durante il corso dell’ultimo anno hanno avuto la necessità di ricorrere al credito al consumo.

Secondo quanto rivelato da Prestiti.it, infatti, circa 1.000 anziani al giorno accendono nuovi prestiti per poter far fronte ai consumi correnti, o poter disporre della liquidità necessaria per poter affrontare gli imprevisti quotidiani, che non potrebbero essere coperti autonomamente dai propri risparmi o dal proprio reddito.

Il “pensionato tipo” che sceglie di indebitarsi per le motivazioni di cui sopra ha in media 62 anni, e va alla ricerca di un finanziamento di circa 16 mila euro. Per quanto concerne la durata media del piano di ammortamento, questa è solitamente compresa tra i 5 e i 6 anni. La maggior parte delle richieste proviene da uomini (nei tre quarti delle ipotesi), mentre le donne si caratterizzano per richieste monetarie solitamente più contenute (circa 14.500 euro).

Per quanto infine riguarda le finalità contemplate dalla richiesta di prestito personale, prevale la necessità di disporre di liquidità aggiuntiva (26%) da poter utilizzare per varie spese personali o familiari. In seconda e in terza posizione – nella lista delle finalità maggiormente oggetto di richiesta di credito – vi sono la ristrutturazione della casa (22,8%) e l’acquisto di un’autovettura (12%).